La straordinaria umiltà di un Prometeo sceso tra gli uomini: Ancelotti delude chi già aspettava il primo flop del Napoli

Primo Piano  
La straordinaria umiltà di un <i>Prometeo</i> sceso tra gli uomini: Ancelotti delude chi già aspettava il primo flop del Napoli

Buona la prima. Considerando soprattutto umori e prospettive, buonissima. Subito un segnale forte al campionato e un messaggio immedito a chi, travolto dal pessimismo o dalla delusione di un mercato senza botti, si era spinto davvero troppo oltre. Così tra sentenze profetiche e pronostici da Europa League, il Napoli sbanca un Olimpico deludendo chi già aspettava il primo passo falso.

Un avvio a rilento e un goal imbarazzante di beniteziana memoria in realtà aveva fatto anche temere il peggio, poi lo scossone. Il ribaltone. E da un Napoli concentrato solo a contenere ma in difficoltà nel trovare le giuste trame offensive, ne viene fuori una squadra dinamica e convinta. Una grande reazione, col gruppo bravo a non perdere la testa e a non sprofondare nelle ansie tra il calderone dell'Olimpico e un'avversaria estremamente organizzata. Un tale exploit e una certa autorevolezza che a un certo punto ha quasi fatto sembrare più la Lazio che il Napoli una squadra 'nuova' e in attesa di un reale assemblaggio. 

E' stata senza dubbi la vittoria di Ancelotti, il primo successo azzurro di un uomo strordinaramente umile e intelligente. Il Prometeo sceso tra gli umani pronto a offrire saggezza e conoscenza a chi ancora non conosce il fuoco e le vette dell'Olimpo calcistico. Eppure, dall'alto della sua mestosità, un uomo saggio e meravigliosamente rispettoso. Nessuna superbia, nessuna mania da protagonista nonostante i 20 titoli in bacheca tra cui addirittura tre Champions League. Piuttosto, ha deciso di ripartire dalla base di un comune mortale senza stravolgere filosofia e DNA dell’organico. Un'evoluzione, non un stroncamento. Tant'è che ieri ha serenamente lanciato 9/11 del suo precedessore, senza soffrire la sua ombra o dicerie eventuali. Così va in scena un Napoli concreto con sprazzi ancolettiani ma anche con la solita virtù del palleggio e del possesso palla. Un mix, un'ibridazione per quanto possibile. 

E se il buon giorno si vede dal mattino, buona la prima. Un'alzata di sopracciglio per spazzare via dubbi e remore. Poi resta il vecchio discorso: due colpi di spessore avrebbero alzato notevolmente le possibilità di scudetto senza dipendere troppo dalla Dea bendata, ma questo non significa che senza sarà un disastro. Tra arrivi, permanenze e giocatori rivitalizzati, nel caso specifico il Napoli ne è uscito comunque rinforzato (poi bisogna tener conto delle rivali, ovviamente). Peccato per la mancata ciliegina sulla torta, ma per l'accesso in Champions League - reale obiettivo di De Laurentiis - va già bene così. 

di Pasquale Edivaldo Cacciola - @PE_Bahia

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Altre Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo JuventusJuventusCL

    12

    4
    4
    0
    0
  • logo SpalSpalCL

    9

    4
    3
    0
    1
  • logo NapoliNapoliCL

    9

    4
    3
    0
    1
  • logo SassuoloSassuoloCL

    7

    4
    2
    1
    1
  • logo SampdoriaSampdoriaEL

    6

    3
    2
    0
    1
  • logo FiorentinaFiorentinaEL

    6

    3
    2
    0
    1
  • logo GenoaGenoa

    6

    3
    2
    0
    1
  • logo LazioLazio

    6

    4
    2
    0
    2
  • logo RomaRoma

    5

    4
    1
    2
    1
  • 10º

    logo TorinoTorino

    5

    4
    1
    2
    1
  • 11º

    logo UdineseUdinese

    5

    4
    1
    2
    1
  • 12º

    logo CagliariCagliari

    5

    4
    1
    2
    1
  • 13º

    logo AtalantaAtalanta

    4

    4
    1
    1
    2
  • 14º

    logo InterInter

    4

    4
    1
    1
    2
  • 15º

    logo MilanMilan

    4

    3
    1
    1
    1
  • 16º

    logo EmpoliEmpoli

    4

    4
    1
    1
    2
  • 17º

    logo ParmaParma

    4

    4
    1
    1
    2
  • 18º

    logo BolognaBolognaR

    1

    4
    0
    1
    3
  • 19º

    logo FrosinoneFrosinoneR

    1

    4
    0
    1
    3
  • 20º

    logo ChievoChievoR

    -1

    4
    0
    2
    2
Dapa Trasporti
Giuseppe Annone
Back To Top
close icon

Ti potrebbe interessare

Gazzetta: "Il Napoli si è ritrovato fragile dinanzi ai suoi stessi difetti a Belgrado. Ancelotti pretende una squadra con più identità, ma le statistiche gli consigliano il 4-3-3"