Benevento, Baroni: "Da valutare sia Ciciretti che D'Alessandro. A Napoli non andremo a difenderci. Che ricordi quello scudetto in azzurro. Sui biglietti per il derby..."

Primo Piano  
Marco Baroni, foto sito ufficiale Benevento CalcioMarco Baroni, foto sito ufficiale Benevento Calcio

Marco Baroni, allenatore del Benevento, ha parlato in conferenza stampa questo pomeriggio, in vista della gara di domenica al San Paolo, contro il Napoli. Ecco quanto evidenziato da Anteprima24.it:

Sulle assenze - “Ciciretti si è fermato e andrà valutato, Memushaj è stato tenuto al riposo precauzionalmente. D’Alessandro ha preso una botta contro il Torino, Iemmello sta svolgendo un lavoro di tonificazione e andrà valutato. Lazaar ha avuto un problema al tallone e ho preferito fermarlo, Venuti invece ha avvertito un fastidio alla caviglia ma è un giocatore che ha già minuti nelle gambe. Costa continiamo di recuperarlo per Crotone”.

Sul Napoli“Le qualità del gioco del Napoli non le scopro io, è una squadra che ha qualità, va spesso alla ricerca della palla in verticale. Il Benevento deve avere coraggio, dobbiamo giocare con attenzione e intensità, cercando di ridurre al minimo le loro qualità offensive. Ci stiamo lavorando, sappiamo che sarà una gara difficile e dovremo affrontarla col piglio giusto”.

Sulla pressione dall'esterno – “Sono abituato a far vedere ai ragazzi cosa funziona e a lavorare su cosa non funziona. Il Benevento fino ad ora ha giocato alla pari, se non in maniera superiore, alle avversarie. Non è stato sufficiente per conquistare punti ma abbiamo capito cosa ci manca, sicuramente la cattiveria, con un pizzico di cattiveria riusciremo a trovare la strada per fare punti”.

Sul gioco“Dovremo portare pressione e tenere i reparti vicini, non andremo a fare una partita esclusivamente difensiva. Non è nella nostra filosofia e non ci snatureremo perchè affronteremo il Napoli. Proveremo a fare risultato cercando di ridurre le loro potenziale e di sfruttare le nostre. La bellezza sarà proprio di misurarci con grandi campioni che stanno facendo qualcosa di straordinario sarà una sfida nella sfida”.

Sul turn over“Ci può stare qualche scelta, qualcuno potrebbe avere difficoltà a fare tre gare. Devo ancora conoscere i giocatori be, valuterò la condizione fisica di tutti e la tenuta dei novanta minuti per mandare in campo una formazione importante”.

Sulla Champions“Il Napoli ha talmente tante soluzioni e per loro non sarà un problema giocare dopo il turno di coppa”.

Sullo Shakhtar “Il Napoli gioca a memoria, ha giocatori che hanno entusiasmo, oltre ad avere qualità tattiche. Dobbiamo guardare in casa nostra per trovare i giusti correttivi. Fiducia, voglia e lavoro settimanale non sono stati minati dagli ultimi risultati”. 

Sui problemi del Benevento “Siamo terzi per tiri effettuati verso la porta e sesto per tiri nello specchio. Subiamo poco, sono situazioni che hanno poco a che vedere con questioni tattiche sono più che altro legati all’aspetto mentale. In serie A ci sono giocatori che possono trovare la giocata vincente in ogni istante. Il gol nel tempo da recupero, senza possibilità di reagire, è stato duro da digerire ma fa parte del passato. Non dobbiamo perdere il nostro filo conduttore, questo ci porterà a ottenere risultati”.

Sulle palle inattive “Le abbiamo provate, le abbiamo ripassate. Il mercato si è chiuso da poco, poi ci sono state le nazionali e alcuni giocatori non avevano avuto modo di lavorare con noi su queste situazioni”. 

Sul possibile esonero“L’allenatore non vive di ombre e di spettri ma di lavoro settimanale”.

Sui tifosi – “L’applauso spontaneo di fine gara non era chiaramente per il risultato ma perchè hanno visto una squadra che ha corso e che meritava. Siamo abituati a rimboccarci le maniche e a ripartire, era successo lo scorso anno e lo faremo anche quest’anno. Posso solo ringraziare chi ha fiducia nel Benevento”. 

“Non devo raccontare nulla ai ragazzi, vivranno il loro momento come ho fatto io. Il mio pensiero è rivolto esclusivamente la Benevento, con la consapevolezza che andremo ad affrontare una partita difficilissima. Nelle difficoltà che troveremo al “San Paolo” c’è la bellezza e il fascino di questa gara”.

Sui ricordi di Napoli“Di Napoli ricordo un’annata straordinaria, vissuta con compagni straordinari. Uno scudetto vinto in una città particolare che vive di calcio. In questo momento stacco il mio pensiero e devo andare al “San Paolo” per provare a fare un’impresa. Dobbiamo fare una partita tosta, gagliarda e piena”.

Sui biglietti“Dovrebbe essere una festa per entrambe le tifoserie, riportiamo un derby regionale. Spero che i tifosi del Benevento potranno avere i biglietti che desiderano per vivere questa festa e un qualcosa da ricordare”.

Altre Notizie

I più letti

Classifica

  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • NapoliCL

    15

    5
    5
    0
    0
  • JuventusCL

    15

    5
    5
    0
    0
  • InterCL

    13

    5
    4
    1
    0
  • MilanCL

    12

    5
    4
    0
    1
  • TorinoEL

    11

    5
    3
    2
    0
  • LazioEL

    10

    5
    3
    1
    1
  • Roma

    9

    4
    3
    0
    1
  • Sampdoria

    8

    4
    2
    2
    0
  • Atalanta

    7

    5
    2
    1
    2
  • 10º

    Fiorentina

    6

    5
    2
    0
    3
  • 11º

    Cagliari

    6

    5
    2
    0
    3
  • 12º

    Chievo

    5

    5
    1
    2
    2
  • 13º

    Bologna

    5

    5
    1
    2
    2
  • 14º

    Sassuolo

    4

    5
    1
    1
    3
  • 15º

    Spal

    4

    5
    1
    1
    3
  • 16º

    Udinese

    3

    5
    1
    0
    4
  • 17º

    Genoa

    2

    5
    0
    2
    3
  • 18º

    VeronaR

    2

    5
    0
    2
    3
  • 19º

    CrotoneR

    1

    5
    0
    1
    4
  • 20º

    BeneventoR

    0

    5
    0
    0
    5
Back To Top

Ti potrebbe interessare

Samp, Strinic: "A Napoli dopo due anni di panchina potevo pensare al ritiro, i soldi persi non sono una priorità! Rog? Situazione movimentata"