CorSera - Da Napoli a Chelsea, dalla maglietta alla cravatta: perché Sarri è un provinciale

Notizie fonte : corriere.it
CorSera - Da Napoli a Chelsea, dalla maglietta alla cravatta: perché Sarri è un <i>provinciale</i>

C’è un tosco-bagnolese per tutte le occasioni. C’è un uomo versatile, nello stile e nella parola, che mai avremmo immaginato di scorgere in Maurizio Sarri, testimonial della classe operaia e convinto sbandieratore del comunismo prima maniera. L'operaio che sceglie la tuta perché la giacca è scomoda ha stravolto il cliché ed è andato oltre se stesso. Alla «prima» al Chelsea, quasi come in un impeto di rivalsa, ha voluto dimostrare che si può nascere con la tuta, ma indossare anche una camicia di sartoria, un abito impeccabile blu e una cravatta con il nodo perfetto. E si può, per carità, evitare espressioni dialettali, indugiare sulla «c» aspirata. Si può anche contare fino a dieci se arriva la domanda scomoda sul sessismo e sull’omofobia e rispondere con un inedito self control. Questo sono io, ha inteso dire Sarri agli inglesi, platea raffinata e dal suo punto di vista superiore. Con l’abito buono per il posto buono.

Mica quello con la polo griffata con gli sponsor, indossata il 15 luglio di tre anni fa quando faceva conoscenza con la stampa napoletana? Valeva, all’epoca, il concetto dell’essere non dell’apparire. Ai capelli corti non era necessario dare un colpo di pettine, la barba accennata era giusta per essere autentico, non importa se la montatura degli occhiali è troppo vintage e la gestualità delle mani accompagna le parole. Napoli, la terra delle sue origini, lo ha accolto, esaltato e venerato così. Salvo poi accorgersi che la sana provincia di cui Sarri è espressione è cosa ben diversa dal provincialismo dell’uomo che stravolge se stesso per affrancarsi dall’immagine ruspante. Si tira a lucido perché è a Londra. Dove tutto è più chic, più ricco e più esigente. Dove però non gli sarà permesso di non fare conferenze stampa, né di fumare nello spogliatoio. Stamford Bridge non è Castel Volturno ed legittimo per Sarri volersi evolvere. Ma riscoprirsi sir Maurizio in 24 ore è genuinamente provinciale. L’eleganza del suo calcio è universale, lui può essere Sarri ovunque. L’ultimo step per essere ancor più grande.

Altre Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo JuventusJuventusCL

    24

    8
    8
    0
    0
  • logo NapoliNapoliCL

    18

    8
    6
    0
    2
  • logo InterInterCL

    16

    8
    5
    1
    2
  • logo LazioLazioCL

    15

    8
    5
    0
    3
  • logo SampdoriaSampdoriaEL

    14

    8
    4
    2
    2
  • logo RomaRomaEL

    14

    8
    4
    2
    2
  • logo FiorentinaFiorentina

    13

    8
    4
    1
    3
  • logo SassuoloSassuolo

    13

    8
    4
    1
    3
  • logo ParmaParma

    13

    8
    4
    1
    3
  • 10º

    logo MilanMilan

    12

    7
    3
    3
    1
  • 11º

    logo TorinoTorino

    12

    8
    3
    3
    2
  • 12º

    logo GenoaGenoa

    12

    7
    4
    0
    3
  • 13º

    logo CagliariCagliari

    9

    8
    2
    3
    3
  • 14º

    logo SpalSpal

    9

    8
    3
    0
    5
  • 15º

    logo UdineseUdinese

    8

    8
    2
    2
    4
  • 16º

    logo BolognaBologna

    7

    8
    2
    1
    5
  • 17º

    logo AtalantaAtalanta

    6

    8
    1
    3
    4
  • 18º

    logo EmpoliEmpoliR

    5

    8
    1
    2
    5
  • 19º

    logo FrosinoneFrosinoneR

    1

    8
    0
    1
    7
  • 20º

    logo ChievoChievoR

    -1

    8
    0
    2
    6
Dapa Trasporti
Giuseppe Annone
Back To Top
close icon

Ti potrebbe interessare

Il Mattino - Bivio Mertens, o rinnova o in estate andrà via! Si studia un anno in più di contratto, non si esclude la firma a breve