Verona, Pecchia: "Io e Benitez? Credo siamo stati apprezzati, c'è qualcosa di Rafa in questo Napoli" [VIDEO]

Le Interviste  

Fabio Pecchia, allenatore dell'Hellas Verona, ha rilasciato alcune dichiarazioni in conferenza stampa alla vigilia della partita contro il Napoli. Ecco un estratto in cui è tornato sulla sua esperienza a Napoli come vice di Benitez: "Apprezzati totalmente io e Benitez a Napoli? Credo di sì, a prescindere da ciò che c'è stato. Credo che Rafa sia stato apprezzato, adesso è stato quasi dimenticato perchè Sarri ha raggiunto risultati e gioca un calcio spettacolare. Però Benitez ha vinto due titoli e fatto un percorso straordinario in Europa: otto giocatori di questo Napoli sono stati voluti da Rafa e dai dirigenti, c'è qualcosa di Benitez in questo Napoli".

VIDEO ALLEGATI
Altre Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • NapoliCL

    32

    12
    10
    2
    0
  • JuventusCL

    31

    12
    10
    1
    1
  • InterCL

    30

    12
    9
    3
    0
  • LazioCL

    28

    11
    9
    1
    1
  • RomaEL

    27

    11
    9
    0
    2
  • SampdoriaEL

    23

    11
    7
    2
    2
  • Milan

    19

    12
    6
    1
    5
  • Torino

    17

    12
    4
    5
    3
  • Fiorentina

    16

    12
    5
    1
    6
  • 10º

    Atalanta

    16

    12
    4
    4
    4
  • 11º

    Chievo

    16

    12
    4
    4
    4
  • 12º

    Bologna

    14

    12
    4
    2
    6
  • 13º

    Udinese

    12

    11
    4
    0
    7
  • 14º

    Cagliari

    12

    12
    4
    0
    8
  • 15º

    Crotone

    12

    12
    3
    3
    6
  • 16º

    Spal

    9

    12
    2
    3
    7
  • 17º

    Sassuolo

    8

    11
    2
    2
    7
  • 18º

    GenoaR

    6

    12
    1
    3
    8
  • 19º

    VeronaR

    6

    12
    1
    3
    8
  • 20º

    BeneventoR

    0

    12
    0
    0
    12
Back To Top

Ti potrebbe interessare

Quagliarella: "Napoli? Essere accostato è un piacere, ma penso alla Samp. Un gesto dei tifosi fu una liberazione, la questione dello stalker è una presa in giro"