Premium, Donato: "Mertens o Milik non fa differenza: il Napoli non può temere lo Shakhtar"

Le Interviste  
Donato sul Napoli e la scelta Milik-MertensDonato sul Napoli e la scelta Milik-Mertens

Dario Donato, giornalista Premium, ha parlato durante Si Gonfia la Rete in onda su Radio Crc: “Mertens o Milik il Napoli ha garanzie in egual modo. Lo Shakhtar è squadra ostica ma il Napoli non può temere questo avversario. Hamsik? La gestione è corretta ma la spiegazione di Sarri è la meno corretta. Se lo ritieni fondamentale non lo sostituisci, Zielinski per esempio sta meglio: fa gol e assist. Non ti puoi privare al debutto europeo di Hamsik, ma la spiegazione doveva essere diffente. Credo che il problema sia la condizione. Diawara? Non saprei, nelle logiche di Sarri con Diawara gioca Zielinski. Mi auguro che giochi il polacco perchè oggi è quello più in forma".

Altre Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • NapoliCL

    35

    13
    11
    2
    0
  • JuventusCL

    31

    12
    10
    1
    1
  • RomaCL

    30

    12
    10
    0
    2
  • InterCL

    30

    12
    9
    3
    0
  • LazioEL

    28

    12
    9
    1
    2
  • SampdoriaEL

    23

    11
    7
    2
    2
  • Milan

    19

    13
    6
    1
    6
  • Torino

    17

    12
    4
    5
    3
  • Fiorentina

    16

    12
    5
    1
    6
  • 10º

    Atalanta

    16

    12
    4
    4
    4
  • 11º

    Chievo

    16

    12
    4
    4
    4
  • 12º

    Bologna

    14

    12
    4
    2
    6
  • 13º

    Udinese

    12

    11
    4
    0
    7
  • 14º

    Cagliari

    12

    12
    4
    0
    8
  • 15º

    Crotone

    12

    12
    3
    3
    6
  • 16º

    Spal

    9

    12
    2
    3
    7
  • 17º

    Sassuolo

    8

    11
    2
    2
    7
  • 18º

    GenoaR

    6

    12
    1
    3
    8
  • 19º

    VeronaR

    6

    12
    1
    3
    8
  • 20º

    BeneventoR

    0

    12
    0
    0
    12
Back To Top

Ti potrebbe interessare

Sky, Adani attacca: "Il problema del calcio italiano sono anche i genitori: si devono togliere dalle palle!"