Ferrara: "Prestazione non così negativa del Napoli, ma troppi errori hanno favorito lo Shakhtar. Ora immagino il tormentone Mertens-Milik"

Le Interviste  

Ciro Ferrara ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Mediaset Premium al termine di Shakhtar-Napoli: "Ero più fiducioso prima della gara. Il Napoli ha perso per degli erorri individuali, ma ha comunque creato non come al solito però. Non è stata una prestazione così negativa. Anche Milik, immagino ci sia adesso un tormentone con Mertens, secondo me si è mosso bene. Ho visto troppe situazioni nel primo tempo hanno fatto prendere coraggio agli ucraini che sono una squadra di tutto rispetto. Non a caso hanno vinto il campionato ed ora sono ancora primi in Ucraina. Ho sentito Sarri nel post Bologna che ha parlato di una squadra in crescendo nei secondi tempi quindi per lui non c'è un problema fisico"

Altre Notizie

I più letti

Classifica

  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • NapoliCL

    15

    5
    5
    0
    0
  • JuventusCL

    15

    5
    5
    0
    0
  • InterCL

    13

    5
    4
    1
    0
  • MilanCL

    12

    5
    4
    0
    1
  • TorinoEL

    11

    5
    3
    2
    0
  • LazioEL

    10

    5
    3
    1
    1
  • Roma

    9

    4
    3
    0
    1
  • Sampdoria

    8

    4
    2
    2
    0
  • Atalanta

    7

    5
    2
    1
    2
  • 10º

    Fiorentina

    6

    5
    2
    0
    3
  • 11º

    Cagliari

    6

    5
    2
    0
    3
  • 12º

    Chievo

    5

    5
    1
    2
    2
  • 13º

    Bologna

    5

    5
    1
    2
    2
  • 14º

    Sassuolo

    4

    5
    1
    1
    3
  • 15º

    Spal

    4

    5
    1
    1
    3
  • 16º

    Udinese

    3

    5
    1
    0
    4
  • 17º

    Genoa

    2

    5
    0
    2
    3
  • 18º

    VeronaR

    2

    5
    0
    2
    3
  • 19º

    CrotoneR

    1

    5
    0
    1
    4
  • 20º

    BeneventoR

    0

    5
    0
    0
    5
Back To Top

Ti potrebbe interessare

Ventura ricorda Napoli: "Dopo una settimana dissi: 'Non è facile vivere qui', il mese successivo diventò una droga!"