FOCUS - Sarà Napoli-Arsenal? Tutti i segreti di Wenger: Sanchez, Lacazette ed Ozil i pericoli numero uno

Europa League  

Il peggior sorteggio che possa esserci: l’Arsenal di Arsene Wenger nei sedicesimi di Europa League. I Gunners sono, assieme all’Atletico Madrid, i grandi favoriti per la vittoria finale della seconda competizione europea per club.

LA STORIA

L’Arsenal è tra i club inglesi più titolati avendo collezionato 13 Premier League ed altrettante FA Cup (record inglese), unite a 15 Community Shield. In Europa la squadra londinese ha vinto una Coppa delle Coppe nel 1993/94 ed una Coppa delle Fiere nel 1969/70. Alla guida dei Gunners, dal lontano 1996, c’è il tecnico francese Wenger che nel 2005/06 portò la squadra sino in finale di Champions League (persa contro il Barcellona per 2-1). Nel 1999/00, invece, l’Arsenal arrivò in finale dell’allora Coppa Uefa perdendo ai rigori contro il Galatasaray.

IL MERCATO

In estate gli inglesi, dopo i rumors sull’addio di Wenger, hanno piazzato il grande colpo annunciando l’arrivo dell’attaccante Alexandre Lacazette dal Lione per 53 milioni di euro. Assieme al francese è arrivato anche l’esterno Sead Kolasinac dallo Schalke 04 a parametro zero: il bosniaco aveva molte pretendenti in Italia, tra cui proprio in Napoli di Sarri.

LA ROSA

Squadra profonda e solida in tutti i reparti, l’Arsenal può vantare giocatori del calibro di Mesut Ozil ed Alexis Sanchez. Formazione ricca di estro ed imprevedibilità offensiva che annovera anche i centravanti Giroud e Welbeck, oltre all’esterno Walcott, tra le frecce più pericolose in zona gol. In mezzo al campo da tenere d’occhio c’è lo svizzero Xhaka, coadiuvato dai vari Ramsey, Wilshere e Coquelin. Il reparto meno "affidabile" resta tradizionalmente la difesa nonostante la presenza di Peter Cech tra i pali. La linea difensiva  annovera nomi del calibro di Koscielny, Mertesacker e Mustafi e Monreal mentre sugli esterni macinano chilometri i vari Bellerin, Debuchy e Chambers.

Formazione tipo (3-4-2-1): Cech; Mustafi, Koscielny, Monreal; Kolasinac, Ramsey, Xhaka, Bellerin; Ozil, Sanchez; Lacazette. All. Wenger

STADIO

L’Emirates Stadium è stato inaugurato nel 2006 ed ha sostituito lo storico Highbury Park. Lo stadio ha una capienza di 60.260 posti ed è il secondo impianto più grande della Premier League dopo l’Old Trafford di Manchester. Risulta, inoltre, il terzo più grande di Londra dopo Wembley e Twickenham.

CAMMINO EUROPEO

Già avversari degli azzurri nel girone di Champions 2013/14 (sconfitta per 2-0 in Inghiltarra e successo per 2-0 al San Paolo per gli azzurri), gli inglesi hanno dominato il proprio raggruppamento (H) chiudendo davanti a tutti a quota 13 punti. Nonostante il largo utilizzo di riserve nel proprio cammino europeo, l’Arsenal non ha avuto rivali tra Stella Rossa, Colonia e Bate Borisov: ben 14 i gol fatti contro i 4 subiti

Altre Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • NapoliCL

    54

    21
    17
    3
    1
  • JuventusCL

    53

    21
    17
    2
    2
  • LazioCL

    43

    20
    13
    4
    3
  • InterCL

    43

    21
    12
    7
    2
  • RomaEL

    40

    20
    12
    4
    4
  • SampdoriaEL

    33

    20
    10
    3
    7
  • Milan

    31

    21
    9
    4
    8
  • Atalanta

    30

    21
    8
    6
    7
  • Udinese

    29

    20
    9
    2
    9
  • 10º

    Torino

    29

    21
    6
    11
    4
  • 11º

    Fiorentina

    28

    21
    7
    7
    7
  • 12º

    Bologna

    27

    21
    8
    3
    10
  • 13º

    Chievo

    22

    21
    5
    7
    9
  • 14º

    Sassuolo

    22

    21
    6
    4
    11
  • 15º

    Genoa

    21

    21
    5
    6
    10
  • 16º

    Cagliari

    20

    21
    6
    2
    13
  • 17º

    Crotone

    18

    21
    5
    3
    13
  • 18º

    SpalR

    16

    21
    3
    7
    11
  • 19º

    VeronaR

    13

    21
    3
    4
    14
  • 20º

    BeneventoR

    7

    21
    2
    1
    18
Dapa Trasporti
Back To Top

Ti potrebbe interessare

"Mister, scusami". Insigne nel post partita di Bergamo va da Sarri e gli porge le scuse davanti a tutto lo spogliatoio