Reina sì, Reina no? Quando la tecnica non è tutto...

Editoriale  

Magari non è più quello di una volta, va ammesso. Sono state diverse le circostanze in cui Pepe Reina, quest'anno, non ha reso come avrebbe dovuto rendere il portiere della terza squadra di Serie A. Ha palesato qualche errorino di troppo, alternato a diverse ottime parate. Quella a Roma, nel finale di gara, fu indimenticabile. Ma Reina è in bilico. Perchè? Perchè si avvia verso i trentacinque anni ed il Napoli vorrebbe cautelarsi con un portiere più giovane, affidabile, che possa tranquillamente sostituire lo spagnolo. Si fanno i nomi di Szczesny dell'Arsenal, di Skorupski della Roma, ma anche del giovane Meret dell'Udinese. Sono tutte soluzioni di buon livello. Il polacco è reduce da due stagioni da titolare con la Roma. Skorupski ha dimostrato di essere capace a fare il salto in una grande, non a caso la Roma chiede una bella cifra per lasciarlo partire. Meret rappresenta il futuro speranzoso, giovanissimo, ma ancora non abituato a certi livelli. 

NON SI TRATTA DI TECNICA - Se dovessimo analizzare la stagione di Reina solo sul piano tecnico, allora sì che si tratterebbe di un mezzo flop. Non sempre attentissimo il portiere ex Liverpool, è giusto che si dica. Però quanto conta all'interno dello spogliatoio di una squadra ancora giovane ed inesperta come il Napoli? Non si può pretendere di vincere solo con prospetti talentuosi, a volte serve anche l'esperienza per uscire da un momento negativo o la forza di ricompattare il gruppo. Questo fattore non può essere di certo messo in secondo piano. E Reina per questa squadra è fondamentale. E' fondamentale per Sarri soprattutto che difficilmente cambierebbe il suo numero uno con qualcun altro. 

LA SOLUZIONE MIGLIORE - Sarebbe quella di acquistare un prospetto giovane, che accetti, inizialmente, di partire alle spalle di un veterano come Reina, ma che nello stesso tempo possa servire al Napoli del futuro. Szczesny vorrebbe la sicurezza di fare il titolare, mentre uno come Skorupski, reduce dal prestito biennale ad Empoli, potrebbe anche aspettare un anno per prendersi la maglia numero 1, in attesa che scada il contratto di Reina. La mossa Meret potrebbe essere rischiosa, cambierebbe quasi poco nell'immediato dal tenere un Sepe o un Rafael in panchina. Giuntoli vaglia le varie ipotesi, ma una cosa è certa, uno come Reina non deve andar via in un momento di crescita mentale come quello che sta affrontando il Napoli.

RIPRODUZIONE RISERVATA

Altre Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • InterCL

    40

    16
    12
    4
    0
  • NapoliCL

    39

    16
    12
    3
    1
  • JuventusCL

    38

    16
    12
    2
    2
  • RomaCL

    35

    15
    11
    2
    2
  • LazioEL

    32

    14
    10
    2
    2
  • SampdoriaEL

    27

    15
    8
    3
    4
  • Milan

    24

    16
    7
    3
    6
  • Fiorentina

    22

    16
    6
    4
    6
  • Bologna

    21

    16
    6
    3
    7
  • 10º

    Chievo

    21

    16
    5
    6
    5
  • 11º

    Atalanta

    20

    15
    5
    5
    5
  • 12º

    Torino

    20

    15
    4
    8
    3
  • 13º

    Udinese

    18

    15
    6
    0
    9
  • 14º

    Cagliari

    17

    16
    5
    2
    9
  • 15º

    Sassuolo

    14

    16
    4
    2
    10
  • 16º

    Genoa

    13

    15
    3
    4
    8
  • 17º

    Crotone

    12

    16
    3
    3
    10
  • 18º

    SpalR

    11

    16
    2
    5
    9
  • 19º

    VeronaR

    10

    16
    2
    4
    10
  • 20º

    BeneventoR

    1

    16
    0
    1
    15
Back To Top

Ti potrebbe interessare

Lipsia, scherzo del destino per Demme: il padre è tifoso del Napoli e chiamò suo figlio Diego in onore di Maradona