Exit Strategy, un film già visto che non fa più ridere

Editoriale  
Aurelio De Laurentiis e Maurizio SarriAurelio De Laurentiis e Maurizio Sarri

Aurelio De Laurentiis e Maurizio Sarri. Se non sono stracci che volano, quantomeno sono panni messi a lavare sulla pubblica piazza. Alla mercè di tutti, tifosi legati a Sarri e a chi sostiene la politica societaria - discussa, ma certamente dotata di risultati. C'è un grave problema, però. Dopo la conquista della qualificazione alla prossima Champions, Sarri evidenziò nettamente come l'obiettivo stagionale della società - a fronte di un rendimento andato oltre le prospettive e di un primo posto mantenuto per mesi - fosse soltanto il raggiungimento della massima competizione europea. Uno a zero per Sarri, quella sera. De Laurentiis, da padre-padrone della sua azienda familiare, non si sarebbe mai tenuto questo 'affronto'. Avrebbe aspettato un po', avrebbe preparato la contromossa. E' normale che abbia finito col rispondere, sebbene i modi - media selezionati accuratamente, come la prima volta di Sarri - siano deprecabili e da rivedere.

NON E' LA PRIMA VOLTA

Mazzarri, Cavani, Benitez, Higuain, Sarri. Poi toccherà a Reina al termine del campionato, non vi preoccupate. De Laurentiis è fatto così: ogni volta che si ritrova davanti una personalità forte, finisce per scontrarsi. E fa in modo da uscirne 'bene', quantomeno nella pura forma dialettica: come a dire, io sono io e voi siete...dipendenti. Per carità, va bene tutto: non ci si stupisca però delle critiche che gli vengono rivolte a prescindere dai risultati. Detto ciò, le parole su Sarri suonano al limite dell'ingeneroso: chiunque ha dei limiti, nessuno ne è esente. Al netto dei calciatori non valorizzati e dell'Europa lasciata per strada, i numeri parlano chiaro: la stagione in campionato è una delle migliori di sempre, e non è nemmeno finita. Tutti commettono errori, anche Sarri e De Laurentiis: le dichiarazioni di oggi, però, sembrano preparare il terreno ad un altro addio sebbene il patron speri che l'allenatore possa rimanere con una gestione della rosa più ampia (ma se questa non lo è, bisognerebbe immaginare un mercato dispendioso senza cessioni di grido: sicuri? Lo stesso patron ha negato l'idea). Dopo tredici anni Massimo Boldi e Christian De Sica si sono riuniti in vista del prossimo cinepanettone: De Laurentiis dovrebbe iniziare a pensare al nuovo titolo da proporre nelle sale. Il titolo Exit Strategy non sarebbe male, ma suonerebbe stantio: un film già visto, il cui protagonista, alla fine, rimane sempre da solo.

di Claudio Russo - Twitter @claudioruss

RIPRODUZIONE RISERVATA

Altre Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • JuventusCL

    95

    38
    30
    5
    3
  • NapoliCL

    91

    38
    28
    7
    3
  • RomaCL

    77

    38
    23
    8
    7
  • InterCL

    72

    38
    20
    12
    6
  • LazioEL

    72

    38
    21
    9
    8
  • MilanEL

    64

    38
    18
    10
    10
  • Atalanta

    60

    38
    16
    12
    10
  • Fiorentina

    57

    38
    16
    9
    13
  • Torino

    54

    38
    13
    15
    10
  • 10º

    Sampdoria

    54

    38
    16
    6
    16
  • 11º

    Sassuolo

    43

    37
    11
    10
    16
  • 12º

    Genoa

    41

    38
    11
    8
    19
  • 13º

    Udinese

    40

    38
    12
    4
    22
  • 14º

    Chievo

    40

    38
    10
    10
    18
  • 15º

    Bologna

    39

    38
    11
    6
    21
  • 16º

    Cagliari

    39

    38
    11
    6
    21
  • 17º

    Spal

    38

    38
    8
    14
    16
  • 18º

    CrotoneR

    35

    38
    9
    8
    21
  • 19º

    VeronaR

    25

    38
    7
    4
    27
  • 20º

    BeneventoR

    21

    38
    6
    3
    29
Dapa Trasporti
Back To Top

Ti potrebbe interessare

Carmignani: “Ancelotti un vero uomo, il più pronto di sempre. Donnarumma? Da prendere subito!”