Inchiesta Report, clamoroso ok della Juve allo striscione su Superga! L'sms di Bucci: "Sono nella merda!". La tentata scalata di Lapo, spunta il nome di Cannavaro...

Diretta  
Marotta e Rocco Dominello, inchiesta ReportMarotta e Rocco Dominello, inchiesta Report

Inchiesta Report: mistero sulla morte di Bucci, rapporti tra ultrà, ndrangheta e Juventus

STRISCIONE NEL DERBY, LA JUVE HA AGEVOLATO PER EVITARE LO SCIOPERO

- Febbraio 2014, a Torino c'è il derby. Il security manager dei bianconeri Alessandro D'Angelo cerca di evitare lo sciopero degli ultras, e li aiuta a far entrare uno striscione inneggiante la tragedia di Superga. Dalle indagini è emerso che Andrea Agnelli, pur informato della trattativa con i tifosi, non sapeva che era stato il suo security manager a far entrare gli striscioni. Lo scopre il giorno dopo attraverso le telecamere dell'impianto. Tuttavia non denuncia e qualche mese dopo anche l'altro autore degli striscioni, Raffaello Bucci, viene assunto per tenere i rapporti tra dirigenti, ultrà e forze dell'ordine.

D'Angelo e Bucci fecero entrare quegli striscioni: è quanto emerge dalle intercettazioni. D'Angelo accontentò i Drughi, anche sullo striscione su Superga ed espose la Juve alla multa. Striscione che passa nei camioni di panini e bibite ed elude i controlli.

Successivamente D'Angelo viene ripreso dalle telecamere e viene convocato in uffici da Agnelli: da qui viene informato di essere stato ripreso mentre agevola l'ingresso dello striscione.

LE CIFRE DEL BAGARINAGGIO

I Drughi, gruppo gestito da Dominello, il 5 maggio 2018 vengono ripresi dalle telecamere di Report fuori allo Stadium prima della partita Juventus-Bologna, mentre sono in piena attività di bagarinaggio sotto gli occhi degli addetti della società. Punturno, leader dei Bravi ragazzi, afferma: "Si fa tutto dentro lo stadio e si fa tutto abusivamente".

Lo Squalo, nome in codice di un tifoso dedito al bagarinaggoio, dichiara: "Ho venduto a 1500 euro un biglietto per la finale di Champions: io ne ho piazzati tredici. Col Tottenham li ho venduti a 250 sterline, mentre ne costavano 35".  In pratica sino allo scorso anno l'attività di bagarinaggio è sempre andata avanti.

Rapporti calciatori-ultrà

Anche alcuni calciatori come Cannavaro si sarebbero rivolti a Germani che da tramite avrebbe placato le contestazioni ai calciatori nei colloqui con Rocco Dominello.

INTRECCI LAPO-NDRANGHETA, LE INTERCETTAZIONI

Il tentativo di scalata di Lapo

Secondo l’inchiesta Report, Lapo Elkann aveva puntato la presidenza della Juventus nel 2009 quando, secondo quanto raccontato da Rocco Dominello ai magistrati. Lapo avrebbe incontrato il boss nella primavera del 2009 prima della comunione della figlia di Fabio Germani, presidente della Fondazione Italia Bianconera, condannato in appello per concorso esterno in associazione mafiosa, nell’inchiesta sull’infiltrazione della ‘ndrangheta nella curva della Juventus. Ultrà e molto vicino ai dirigenti della Juve. In quella occasione Lapo avrebbe espresso il desiderio di vedere esposti in curva gli striscioni con su scritto: Lapo Presidente.

DOMINELLO Senti una cosa: ma il tuo amico Lapo che fine ha fatto?

GERMANI L’ho sentito stamattina, è in Svizzera

DOMINELLO Lo fissiamo st’appuntamento?

GERMANI No, in questo periodo non esiste. Perché domani parte e va in America

DOMINELLO Vabbuò, fissa un appuntamento se vuole un appoggio. Fissa un appuntamento, sennò vaffanculo tu, lui, la Juve e tutti quanti

GERMANI Ma tu lo sai che l’appoggio lo vuole

DOMINELLO Lui mi deve dire: si sono veramente intenzionato. E io gli faccio fare gli striscioni sia da una parte che dall’altra, tutti per lui. Però mi deve dire quanto veramente ci tiene. Perché io ti giuro che sia di qua che di là, facciamo fare tutto quello che vuole lui

GERMANI Ho parlato con Lapo sino ad un’ora fa. Martedì cosa ha da fare?

DOMINELLO Martedì niente perché?

GERMANI Se vuoi andiamo in barca da Lapo. A Saint Tropez.

IL BAGARINAGGIO E LA MORTE DI BUCCI

- Placido Barresi, un criminale con vari precendenti, avrebbe messo tutti d'accordo dal carcere, sul bagarinaggio tra i vari gruppi ultrà. Placido Barresi dà la sua versione sulla morte di Bucci: ovvero che lo hanno minacciato di prendere suo figlio. Tesi confermata da D'Angelo in una intercettazione a telefono con Calvo.

- L'inchiesta si è poi spostata sul bagarinaggio tra gruppi ultras capeggiati da personaggi legati al malaffare: numeri di capogiro. Uno di loro, Angelo Punturno sostiene di aver comprato un panificio e due case. Punturno guida il gruppo ultras Bravi Ragazzi e spiega il sitema di bagarinaggio: "Siamo 600-700 persone, ma non tutte di Torino. Ci occupiamo noi dei biglietti, lucrando. Personalmente non lo facevo, ma c'era chi per me lavorava. I biglietti lo sapete da dove arrivano. Dalla Juventus? E' sempre stato così. Li gestivamo noi. C'era il quieto vivere. Io mi so comprato l'audi e la casa con lo stadio. Io avevo rapporti con Marulla. Se non ci andava bene, facevamo lo sciopero oppure facevamo arrivare la multa alla società. Si lanciavano delle bombe, facevamo prendere un verbale, così da far sì che convenisse alla Juventus che ci dessero biglietti".

Riciclaggio dei soldi del bagarinaggio

- Il mistero si infittisce perchè sono state trovate delle vincite al Lotto di Bucci impressionanti, giocando sempre lo stesso numero, il 74. Vincite continue che fanno insospettire. Bucci vince 3111 euro nella stessa giornata, con più giocate nello stesso giorno. Bucci ha incassato 100mila euro dal Lotto in tutto: circa 25 mila euro negli ultimi giorni prima di morire. Si sospetta, avrebbe riciclato proventi del bagarinaggio dei biglietti della Juventus, grazie a una ricevitoria compiacente, tramite Superenalotto e Gratta e Vinci, un metodo brevettato dalla ‘ndrangheta.

L'ex compagna fu mandata dal Bucci dai fratelli a portare un messaggio in codice, come se ci fossero dei soldi da far sparire durante il periodo dell'inchiesta della magistratura Alto Piemonte. Bucci tentava di far nascondere il suo denaro. 

FOTO Report - Bucci avrebbe riciclato proventi del bagarinaggio con un sistema brevettato dalla 'Ndrangheta, 200mila euro in 4 anni!

Buco nelle intercettazioni e l'sms di Bucci

- I server della procura di Torino a causa dello sbalzo di corrente non hanno registrato le telefonate delle ultime tre ore del cellulare di Bucci che era sotto controllo. Dal telefono emerge però un sms verso un numero intestato alla Presidenza del Consiglio, il cui nome in codice era 'gestore'. Bucci era un informatore dei servizi segreti e 48 ore prima di uccidersi scrive a questo numero un sms: "Sono nella merda". Il giorno dopo deve essere ascoltato dai magistrati.

MORTE BUCCI, TELEFONATA CALVO-D’ANGELO

In una telefonata intercettata Alessandro D’Angelo, security manager, mezz’ora dopo la morte di Bucci, chiama Francesco Calvo, ex direttore commerciale della Juventus, squalificato per un anno dalla giustizia sportiva per aver agevolato la vendita irregolare dei biglietti agli ultrà.

D’ANGELO Non ci credo. Lo ha ammazzato

CALVO Anch’io non ci posso credere. Se penso che lo abbiamo portato io e te alla Juve…

D’ANGELO Non aveva un motivo per ammazzarsi, non doveva aver paura…

CALVO No, no di certo

D’ANGELO Era terrorizzato ieri (il giorno in cui era stato interrogato, ndr)

CALVO Era terrorizzato?

D’ANGELO Era terrorizzato..Era terrorizzato. Come se lo dovessero ammazzare da un momento all’altro… perché ha parlato con i pm…non riesco a credere.. non ce l’ha fatta.. non è rimasto neanche in sala operatoria non è arrivato.. si è lanciato, 44 metri di volo

CALVO Minchia

D’ANGELO Non c’ha più parlato, non c’ha detto niente,, Ha iniziati a farfugliare “SONO UN UOMO MORTO,SONO UN MORTO CHE CAMMINA, DEVI ANDARE DA MIO FIGLIO”.. L’abbiamo provato a calmare, abbiamo provato a tenerlo con noi, E ha voluto andare via da solo…

CALVO Ma questo quando, in questi giorni?

D’ANGELO Ieri, tutto ieri è successo.. È andato dal pm, Ä uscito, un disastro! È uscito e ha detto.. Mi ha chiesta scusa e mi ha detto “ti chiedo perdono te l’ho messa nel culo”… gli ho detto “non importa se me l’hai messa nel culo, adesso risolviamo tutto”.

CALVO Che vuol dire “te l’ha messa nel culo”?

D’ANGELO E non lo so, non ha parlato, non mi parlava.. mi ha detto “perdonami te l’ho messa nel culo”… gli ho detto “guarda, non me ne frega un cazzo, basta che adesso ti riprendi e stai sereno”.. non ce l’ha fatta..non ce l’ha proprio fatta…Stefano stamattina lo cercava a Cuneo.. È venuto qui, l’ha cercato e non l’ha trovato…l’ha chiamato e gli ha risposto la polizia e gli ha detto “guardi, si è appena lanciato dal ponte”…

MORTE BUCCI, MISTERI SUGLI EFFETTI PERSONALI E SUL CORPO

- Secondo il legale Paolo Verra, della famiglia Bucci, poco dopo la morte di Bucci, l'avvocato Turco dello studio Chiusano pare abbia chiesto il cellulare di Bucci alla fidanzata, senza aver alcun titolo. Sull'auto di Bucci avrebbero messo le mani ben tre persone dipendenti della Juventus, tra cui l'autista di Agnelli. C'è un mistero attorno al borsello di Bucci ed altri effetti personali.

- L'attenzione poi si sposta su Raffaello Bucci, ultrà dedito all'attività di bagarinaggio e morto suicida. Tanti i punti oscuri a partire dal fatto che non ci sono foto del corpo nel fascicolo della morte di Bucci. L'ex compagna di Raffaello Bucci sostiene che sia stato pestato secondo alcuni segni rinvenuti sul cadavere. Il legale della famiglia parla di taglio all'occhio e altri segni sul corpo che poco hanno a che fare con la cadura dal ponte: si parla di un presunto pestaggio o ferimento prima della caduta del ponte. Tutto ruota anche attorno agli oggetti portati in ospedale da uomini vicini alla Juventus.

- L'inchiesta inizia da uno striscione I Gobbi in un Juventus-Milan del 2016: sarebbe l'indizio dell'ingresso della 'ndrangheta nella Curva della Juventus, secondo le indagini dei magistrati. Personaggio chiave è Rocco Dominello che ha iniziato a fare business col bagarinaggio. Andrea Agnelli è stato condannato ad un anno di interdizione dai campi per la vicenda biglietti venduti irregolarmente ai tifosi. Report sottolinea come nessun dirigente della Juventus è coinvolto dall'inchiesta dell'Antimafia.

Su Raitre la trasmissione Report tanto attesa, sta per iniziare: svelerà le intercettazioni dell'antimafia che hanno portato alla scoperta dell'infiltrazione della 'ndrangheta nella curva juventina. L'inchiesta di Federico Ruffo farà luce sul misterioso suicidio dell’ultrà juventino Raffaello Bucci, con intrecci tra mafia, tifoseria e calciatori.

Questa sera alle 21.15 su Rai3 Report torna con l'attesa inchiesta dove si intrecciano i rapporti tra spie, ultras, mafia e calciatori. La puntata di Report sarà soprattutto incentrata sul misterioso suicidio dell'ex ultrà juventino Raffaello Bucci.

DIRETTA - Inchiesta Report sullo scandalo Juve

Segui su Calcio Napoli 24 la diretta dell'inchiesta Report sullo scandalo Juventus. Intercettazione clamorosa quella mandata in anticipazione oggi dai colleghi di Report sulla morte di Raffaello Bucci, l’ex ultras assunto dai bianconeri nel 2015 come collaboratore e morto dopo un volo di 30 metri da un ponte dell’autostrada Torino-Savona, poche ore dopo essere stato ascoltato dai magistrati che indagavano sui rapporti tra ultras, ndrangheta Juventus.

Inchiesta Juve, sindacato Rai denuncia: "Minacce, intimidazioni e annunci di querele a Report!"

USIGRai, Di Trapani contro le minacce: "Difenderemo i giornalisti!"

SCANDALO JUVENTUS, L'AUDIO INTERCETTATO DELLA TELEFONATA TRA BONUCCI, ALESSANDRO D'ANGELO E FRANCESCO CALVO

Report - Inchiesta Juventus, dove vederla in Tv e streaming

La puntata di Report andrà in onda, in chiaro, il prossimo lunedì alle ore 21,15 su Rai 3. In streaming sarà possibile seguire la puntata tramite la piattaforma Rai Play.

MAROTTA-NDRANGHETA, LE INQUIETANTI INTERCETTAZIONI

INTRIGHI DI POTERE DI AGNELLI-ELKANN

LA MORTE DI RAFFAELLO BUCCI

LE DICHIARAZIONI DEL CONDUTTORE DI REPORT IN MERITO ALLA PUNTATA

Altre Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo JuventusJuventusCL

    34

    12
    11
    1
    0
  • logo NapoliNapoliCL

    28

    12
    9
    1
    2
  • logo InterInterCL

    25

    12
    8
    1
    3
  • logo LazioLazioCL

    22

    12
    7
    1
    4
  • logo MilanMilanEL

    21

    12
    6
    3
    3
  • logo RomaRomaEL

    19

    12
    5
    4
    3
  • logo SassuoloSassuolo

    19

    12
    5
    4
    3
  • logo AtalantaAtalanta

    18

    12
    5
    3
    4
  • logo FiorentinaFiorentina

    17

    12
    4
    5
    3
  • 10º

    logo TorinoTorino

    17

    12
    4
    5
    3
  • 11º

    logo ParmaParma

    17

    12
    5
    2
    5
  • 12º

    logo SampdoriaSampdoria

    15

    12
    4
    3
    5
  • 13º

    logo CagliariCagliari

    14

    12
    3
    5
    4
  • 14º

    logo GenoaGenoa

    14

    12
    4
    2
    6
  • 15º

    logo SpalSpal

    13

    12
    4
    1
    7
  • 16º

    logo BolognaBologna

    10

    12
    2
    4
    6
  • 17º

    logo UdineseUdinese

    9

    12
    2
    3
    7
  • 18º

    logo EmpoliEmpoliR

    9

    12
    2
    3
    7
  • 19º

    logo FrosinoneFrosinoneR

    7

    12
    1
    4
    7
  • 20º

    logo ChievoChievoR

    0

    12
    0
    3
    9
Dapa Trasporti
Antonio Barbato - Consulente del Lavoro
Back To Top