Premium Sport, Piccinini: "Napoli obbligato a battere il Feyenoord, gli azzurri hanno i mezzi per fare a meno di Milik"

Brevi  

Sandro Piccinini, collega di Premium Sport, è intervenuto ai microfoni di Radio Kiss Kiss: "Napoli obbligato a battere il Feyenoord e che non può più sbagliare. Facendo la corsa sullo Shakhtar bisogna fare sei punti contro gli olandesi che al momento sono molto in difficoltà. L'infortunio di Milik rende le cose un po' difficili ma a gennaio si può rimediare e fino a gennaio se ne potrebbe anche fare a meno. Bisogna chiudere il discroso champions prima di allora, ma il Napoli ha i mezzi per farlo. Il polacco non è il primo ad infortunarsi due volte di seguito ma ha già dimostrato che può recuperare velocemente e spero si possa ripetere".

Altre Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • InterCL

    40

    16
    12
    4
    0
  • NapoliCL

    39

    16
    12
    3
    1
  • JuventusCL

    38

    16
    12
    2
    2
  • RomaCL

    35

    15
    11
    2
    2
  • LazioEL

    32

    15
    10
    2
    3
  • SampdoriaEL

    27

    15
    8
    3
    4
  • Milan

    24

    16
    7
    3
    6
  • Torino

    23

    16
    5
    8
    3
  • Fiorentina

    22

    16
    6
    4
    6
  • 10º

    Bologna

    21

    16
    6
    3
    7
  • 11º

    Chievo

    21

    16
    5
    6
    5
  • 12º

    Atalanta

    20

    15
    5
    5
    5
  • 13º

    Udinese

    18

    15
    6
    0
    9
  • 14º

    Cagliari

    17

    16
    5
    2
    9
  • 15º

    Sassuolo

    14

    16
    4
    2
    10
  • 16º

    Genoa

    13

    15
    3
    4
    8
  • 17º

    Crotone

    12

    16
    3
    3
    10
  • 18º

    SpalR

    11

    16
    2
    5
    9
  • 19º

    VeronaR

    10

    16
    2
    4
    10
  • 20º

    BeneventoR

    1

    16
    0
    1
    15
Back To Top

Ti potrebbe interessare

De Laurentiis: "A gennaio arriva Inglese, ci provo per Vrsaljko. In corsa per lo scudetto fino alla fine. Stadio? Non aspetto più il sindaco!"